Triboo rivede i risultati previsti e ritira gli outlook annunciati

Il Consiglio di Amministrazione di Triboo S.p.A. (“Triboo”), presieduto da Riccardo Maria Monti, all’esito dell’esame dei dati gestionali preconsuntivi al 31 dicembre 2023 ravvisa come, nell’ultimo trimestre dell’esercizio, si sia assistito ad una positiva inversione di tendenza rispetto ai mesi precedenti, che ha portato ad un miglioramento delle performance.

In seguito al confronto con il budget per l’esercizio 2024, tuttavia, si rileva un andamento dei ricavi consolidati e dell’EBITDA Adjusted per gli esercizi 2023 e 2024 inferiore alle previsioni di cui al Piano industriale 2023-25, approvato in data 15 marzo 2023.

In particolare, i dati preconsuntivi gestionali al 31 dicembre 2023 prevedono ricavi consolidati leggermente superiori agli 80 milioni di Euro, con un EBITDA adjusted margin nell’intorno del 11,5% (n.b. tali valori sono riferiti a dati gestionali preliminari, non soggetti a revisione, e quindi soggetti a possibili variazioni).

Le motivazioni di tali scostamenti sono da ricercarsi nel periodo caratterizzato dal perdurare della situazione di tensione macroeconomica a livello italiano e mondiale, guidati anche dagli effetti dell’inflazione e dell’aumento dei tassi di interesse sugli acquisti, e conseguentemente da un contesto di elevata incertezza sui mercati di riferimento, che ha caratterizzato soprattutto i primi nove mesi dell’anno con principale riferimento (i) alle vendite al dettaglio dei siti di e-commerce gestiti da Triboo e (ii) agli investimenti da parte delle imprese nei servizi di marketing, pubblicitari e di realizzazione di contenuti offerti dal Gruppo.

Di contro si segnala che, nel corso del 2023, il Gruppo, ha continuato con gli investimenti nel proprio capitale umano e nell’infrastruttura tecnologica (tra gli altri si segnalano in particolare la piattaforma Skin acquisita con la società Digital Rock, e le tecnologie 3d e di AI applicate ai processi di E-Photo), strategici per sostenere la prospettata crescita futura, convinto del suo modello di business e della capacità di innovazione endogena, nonostante la congiuntura economica sfavorevole.

“Nella predisposizione del budget il management ha previsto i benefici derivanti dal consolidamento delle azioni di efficientamento dei processi, di ampliamento e rivisitazione dell’offerta di servizi e di razionalizzazione della struttura dei costi poste in essere già a partire dell’esercizio 2023 e che continueranno nei mesi a venire, in risposta alle turbolenze di mercato – commenta Riccardo Maria Monti, Presidente del Consiglio di Amministrazione di Triboo S.p.A. - Questi aspetti, uniti alla generale ripresa del mercato osservata nell’ultimo trimestre e a un’importante spinta sull’azione commerciale, permettono di prevedere risultati operativi in miglioramento rispetto all’esercizio 2023”

Si conclude comunicando come, viste le premesse macroeconomiche di contesto, il Piano Industriale 2023-25 approvato nel marzo 2023 è stato considerato non più attuale e pertanto il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di ritirare le previsioni annunciate il 15 marzo 2023.

Il Consiglio di Amministrazione procederà nella prima riunione utile all’aggiornamento del piano industriale. Si precisa che il Consiglio di Amministrazione, nel contesto dell’incertezza dell’andamento dei mercati di riferimento del Gruppo, ha deliberato di sospendere ogni comunicazione circa le previsioni di piano